Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

La finanza e il sociale insieme per lo sviluppo degli investimenti ad impatto sociale in Italia

Roma, 21 gennaio 2016 - Si è costituita oggi Social Impact Agenda per l’Italia; l’associazione nasce per raccogliere l'esperienza dell'Advisory Board italiano (ADB) della Social Impact Investment Taskforce (SIIT), promossa durante la Presidenza britannica del G7 nel 2013.

taskforce

Scopo

La missione dell’Associazione è di monitorare lo stato di avanzamento delle 40 raccomandazioni e contribuire alla loro realizzazione e di rafforzare l'imprenditorialità sociale attraverso lo sviluppo dell’ecosistema italiano degli investimenti ad impatto sociali.

investimenti a impatto

L’obiettivo condiviso da tutto l’ADB italiano è di capitalizzare l’esperienza virtuosa degli ultimi due anni che ha visto operatori del settore, imprese sociali, investitori, centri di ricerca, realtà produttive, istituzioni pubbliche, intermediari finanziari, confrontarsi sul ruolo e le potenzialità degli investimenti ad impatto sociale nella prospettiva dell'innovazione e delle radicali trasformazioni che interessano il nostro Paese.


Organigramma
Presidente: Giovanna Melandri - presidente Human Foundation
Vicepresidenti:

  • Stefano Granata - Presidente del Gruppo Cooperativo CGM
  • Massimo Lapucci - Segretario generale Gruppo Fondazione CRT

L’associazione ha altresì un comitato scientifico presieduto dal professore Mario Calderini (Politecnico di Milano).


pag 3“C’è un movimento – spiega Giovanna Melandri, presidente della Social Impact Agenda per l’Italia – composto da soggetti del terzo settore, della finanza e dell’impresa, che crede in un differente modello di sviluppo per offrire risposte a vecchi e nuovi bisogni, molti dei quali rimangono purtroppo insoddisfatti, pensiamo alla salute, alle disabilità, alla conciliazione vita-lavoro alle nuove forme dell'abitare, all'esclusione sociale. Senza dimenticare l’esistenza di settori che si prestano a questa ibridazione tra modelli d’impresa, comunità locali e impatto sociale: ad esempio la valorizzazione del patrimonio culturale, la gestione collaborativa dei beni comuni e le piattaforme di sharing economy. Comparti strategici per il rilancio sociale, culturale e economico del nostro Paese”


“L’Associazione Social Impact Agenda per l’Italia - continua la presidente Melandri - intende contribuire a sviluppare in Italia l’ecosistema degli investimenti ad impatto sociale come strumento che può essere agito per sostenere e rafforzare le imprese sociali; a un anno di distanza dalla presentazione del rapporto italiano possiamo vedere alcuni risultati, ora dobbiamo mantenere viva la rete internazionale e monitorare gli avanzamenti nel nostro Paese”.


Per Stefano Granata, vicepresidente dell’associazione, “Per l’impresa sociale giocare oggi la sfida dell’innovazione significa valorizzare il patrimonio di legami, risultati e relazioni costruiti nelle comunità, rigenerandolo attraverso la capacità di creare un reale impatto, ossia risposte ai bisogni e proposte per lo sviluppo. Forte del particolare tratto distintivo di saper mettere in comunicazione mondi e visioni differenti, l’impresa sociale deve oggi trovare nuovi strumenti: tra questi il tema degli investimenti è uno dei punti focali. L’Associazione Social Impact Agenda per l’Italia rappresenta una piattaforma che può far convergere idee, proposte e sperimentazioni per nuovi modelli di attrazione di capitali e collaborazioni sugli investimenti.”


“Partendo proprio dalle raccomandazioni del G8 e con il coordinamento della Presidente Melandri – ha spiegato il vice Presidente Massimo Lapucci – è molto importante far sentire la voce dei territori attraverso il ruolo delle fondazioni di origine bancaria e delle fondazioni come Sviluppo e Crescita CRT, impegnata sul fronte della Venture philanthropy e dell’impact investing. Fondamentale sarà garantire inoltre il coordinamento a livello europeo con le altre organizzazioni simili nei diversi Paesi: ciò, anche attraverso il coinvolgimento di associazioni come EVPA-European Venture Philanthropy Association”.

Finalità dell’Associazione
pag 5Sviluppare e condividere la conoscenza sul settore degli investimenti ad impatto e sull’imprenditorialità sociale;
Alimentare il dialogo e lo scambio di esperienze a livello internazionale anche alla luce della partecipazione nel Global Social Impact Investment Steering Group costituito dalla Social Impact Investment Taskforce;
Sviluppare le relazioni tra i soci e con le altre organizzazioni che si occupano del tema;
Consolidare e diffondere pratiche di valutazione d’impatto sociale attuabili, accessibili, e significative nel settore privato, pubblico e privato sociale;
Contribuire alla sperimentazione di strumenti di investimento ad impatto sociale orientati al raggiungimento di risultati sociali misurabili nelle politiche degli attori privati e pubblici e alla misurazione di tali risultati.

I soci fondatori di Social Impact Agenda per l’Italia
ABI-Associazione Bancaria Italiana
Confcooperative
Federsolidarietà
CGM
Etimos Foundation
Federcasse
Fondazione Opes
Fondazione Sviluppo e Crescita CRT
Human Foundation
UBI BANCA
Vita
Mediapartership: Il Sole 24 Ore